Konrad
Poesia e letteratura

Le poesie di Camillo Pennati

Le poesie di Camillo Pennati. Una corsa lenta e inesorabile alla meraviglia

di Riccardo Redivo

 

In bianche isole

Pensili affiorano nel verde

le prime infiorescenze merlettate del sambuco

in bianche isole

a galleggiare immerse

in quella estrosa espansività l’arioso specchio

della loro estate


Durante la lettura della raccolta di poesie Una distanza inseparabile (1983-1996) di Camillo Pennati mi sono chiesto più volte come mai questo poeta non godesse della notorietà che meriterebbe: l’unica spiegazione è stata che molte delle sue poesie non sono semplici o immediate, ma obbligano a una tensione di significato e di immagini che potrebbero infastidire il lettore pigro (una doccia dentro una dimensione inesplorata obbliga il coraggio e l’attenzione dei pionieri); ci si trova a rialzarsi dopo essere precipitati da una cascata senza ricordare bene i fotogrammi e le emozioni del salto: per fortuna la poesia, per la messa a fuoco, si può rileggere; ma questo aiuta, direi per connaturato destino, fino a un certo punto. Il volo di certe poesie di Pennati è una corsa lenta e inesorabile alla meraviglia. Un obbligo al rallentamento in discesa. A volte si avvicina un po’ troppo alla prosa e alla retorica, ma credo serva al sistema-cascata per impedire di precipitare.

I pochi temi che si ripetono (mare, alberi, cielo, nuvole, ricordi, sensazioni e poco altro) portano una certa pace atmosferica in chi li legge, un’epica d’aria quasi inconsistente ma preziosa come l’ossigeno di cui è fatta.

Nei versi in cui c’è esclusivamente la natura (soprattutto quelli di Sperlonga lines) – ma non solo – Pennati fa sentire quello che pochi poeti contemporanei riescono a fare sentire: il silenzio. Gli ologrammi muti e sonori di elementi naturali in presenza o in movimento hanno un sapore che sfiora la zen o che tratteggia un mandala.

Il risuonare di vocaboli, aggettivi, verbi e avverbi rari e preziosi o di proprio conio, come rastrema, cotica, ambrarsi, felpando, ripaversarti, vertiginante, addorsamento, granularità, scriminanti, abituri, rifende, biaccosamente (poco importa se qualche volta stridano, l’effetto è superiore al fastidio), che, uniti a un uso parco o assente delle virgole, creano immagini e soprattutto atmosfere evocative con descrizioni dinamiche che hanno dell’incredibile, anche se alle volte vengono ancorate da un’eccessiva razionalità che spinge a ricontrollare il volo. Per questo alcuni versi sono tessere di puzzle che bisogna assemblare, con lenta calma, prima uno e poi l’altro (non come scritti ma come voluti), quasi un rebus filosofico, descrittivo, grammaticale. Queste tessere giocano fra loro in suggestioni impreviste (lambisce l’alba l’edíle verticalità svettante; attonite mandrie di pupille assorte; il magico/silenzio musicato di stagioni) e alcuni accostamenti inaspettati – che ricordano un fare meriniano, qui però è consapevole – arrivano come agguati (improvvisi affioramenti di bagliore; canyon d’ombra; una luce intercettatamente plumbea; un ultimato accadimento; un perturbato veleggiare; concavità dell’aria; la conforma ad una pervadente osmosi; irriguardosamente assoggettato), e si rimane stupiti. Parrebbe quasi un procedere simile a quello che alle volte si adopera nel linguaggio psicanalitico (penso ai Nodi di Laing, ma anche a Lacan) che aiuta a rintracciare dimensioni psichiche diverse, porte o parti d’inconscio per una più profonda lettura o verità.

Il poeta lo conoscevo di nome e da qualche sua poesia ma la lettura mi stimolò il desiderio di conoscerlo personalmente: un fulmine a ciel ingenuo! Pennati è morto il 9 novembre 2016, proprio mentre scorrevo occhi e cuore sui suoi versi. Questo articolo è stato fatto per ricordarlo a quei pochi lettori di poesia che esistono affinché lo leggano o almeno provino a leggere saggiando la sua originalità e le sue precipitazioni a rotta di collo lenta.

Una distanza inseparabile, Einaudi, Collezione di poesia 273, luglio 1998, pp.134

Related posts

“Il silenzio del mare” di Vercors

“L’ ultimo scalo del Tramp Steamer” di Alvaro Mutis

Redazione KonradOnLine

Fuori controllo e le scritture MalEducate

Redazione KonradOnLine

Leave a Comment