In Cucina

Pasta di grano saraceno ai due cavoli e pecorino

Un piatto che sfida il freddo inverno mettendo insieme sapore e salute. Il grano saraceno, antichissimo cereale, regala sapore caldi e nocciola. Il broccolo e il cavolo, fonte di fibre e vitamina C, completano la festa di sapori. Regna al di sopra di loro la lieve piccantezza di un buon pecorino.

Ingredienti per 4 persone

300 grammi di pasta al grano saraceno

200 gr di cime di cavolfiore

200 gr di cime di broccolo

250 grammi di pecorino semistagionato

2 spicchi di aglio

olio d’oliva

sale e pepe

Come procedere

Mettere a bollire l’acqua per la pasta. Sbianchire (cuocere velocemente gettando in acqua bollente salata) le cime di cavolo per 4 minuti. Scolare e tenere al tiepido. In un largo tegame far soffriggere dolcemente l’aglio in 4 cucchiai d’olio. Spegnere e gettarvi i cavoli. Scolare al pasta molto al dente. Accendere il fuoco della padella al massimo. Gettarvi la pasta e un mestolo di acqua di cottura. Saltare rigirando per un paio di minuti. Dopo 1 minuto aggiungere metà del pecorino grattugiato e poca noce moscata grattugiata. Saltare ancora per 30 secondi. Spegnere. Impiattare e guarnire ogni piatto con il restante pecorino che avrete tagliato a julienne con la mandolina. Un po’ di pepe macinato al momento, se piace.

Vino in abbinamento: Refosco dal peduconolo rosso: sapido, corposo e giustamente tannico. Noi consigliamo di assaggiare quello dei Vignai da Duline (Vllanova del Judrio UD).

Il consiglio a zero spreco: i gambi e le eventuali foglie dei cavoli e dei broccoli non devono essere buttati! Ripuliteli da parte più dure e lessateli in poca acqua salata. Frullate con un goccio d’olio e, se piace, un poco peperoncino in polvere. La salsa sarà ottima per guarnire bruschette e crostini, o per condire pasta e riso.

Related posts

Caril di gamberi

simonetta lorigliola

Cannella. Corteccia dall’anima dolce

Redazione KonradOnLine

Zafferano. Atto unico meditativo

Redazione KonradOnLine

Leave a Comment