Konrad
Società e Diritti

Trieste e l’accoglienza

Come funziona l’accoglienza dei migranti oggi nel capoluogo regionale? Ne abbiamo parlato con Laura Famulari, Assessore alla Politiche sociali del Comune di Trieste

Famulari

I media parlano in maniera costante di un’emergenza immigrazione. È corretto? O si tratta di un fenomeno ascrivibile alla categoria della continuità?

Da circa un biennio le persone che arrivano non sono immigrati cosiddetti economici ma richiedenti asilo o rifugiati. Fuggono da situazioni di conflitti forti o guerre. Non è un fenomeno che scemerà nel breve periodo e quindi non ha senso parlare di emergenza. È importante attrezzarci per l’accoglienza in modo stabile.

Qualche dato che possa illustrare il fenomeno?

Nell’ultimo biennio gli arrivi sono aumentati del 320%. Ma i numeri sono gestibili. Ad oggi sul territorio regionale ci sono 2600 richiedenti asilo.

A Trieste la gestione dell’accoglienza ha una storia dalla fine degli anni Novanta, quando arrivarono i profughi dai Balcani in guerra. Questo sistema a suo modo di vedere funziona ancora?

L’esperienza di Trieste in questo ambito è guardata come modello anche altrove. È l’accoglienza diffusa, che stiamo gestendo con la Regione e la Prefettura.

A chi è affidata l’accoglienza a Trieste?

Ad oggi da ICS (Consorzio Italiano di Solidarietà) e Caritas, i soggetti che già furono attivi nelle esperienze citate. Non facemmo una gara per l’assegnazione del servizio poiché i tempi amministrativi non lo concedevano: dovevamo sistemare le persone in tempi ragionevoli sia per dovere umano sia affinchè non creassero disagio al territorio. Ora che siamo consapevoli che il fenomeno non è un’emergenza stiamo preparando un bando di gara per il 2016.

Trieste città civile, della tolleranza e dell’accoglienza. Ma non mancano i fenomeni xenofobi e le proteste contro “gli stranieri”

Lo so bene perché ricevo lettere dai cittadini in merito. La questione è complessa. Ci sono delle paure viscerali che si mescolano a strumentalizzazioni. C’è sempre chi attizza il fuoco. Ma si tratta di malesseri di pancia, che certamente non vanno ignorati. Io credo che, civilmente, si debbano mediare gli umori emotivi con il raziocinio. I migranti ci sono ma in un numero che, attrezzandoci, riusciamo tranquillamente a gestire. E poi c’è la domanda chiave: cosa potremmo fare in alternativa? Chiudere tutti i confini? Circondarci con muri? Rigettare tutti? La legge italiana ci impone di accordare asilo a chi è in situazioni estreme. Cosa dovrebbe fare un Sindaco o un Assessore? Qualcuno mi provoca e dice: disobbedienza civile. Rigettare chi ti chiede aiuto non è un atto civile e poi io sono un funzionario dello Stato e devo applicarne le leggi. Non devo dire di sì a tutti. Devo verificare chi ne ha diritto. Senza verificarlo non posso rigettarlo.

Cosa date a queste persone in concreto? La diffidenza è spesso legata la fatto che “portino via soldi e lavoro” ai residenti

Anche qui dovremmo sostituire gli umori di pancia con ragionamento e dati. A queste persone vengono dati 2,5 euro al giorno per la bottiglia d’acqua, per qualche piccolissima spesa. Viene loro offerta l’accoglienza notturna e l’accesso alle mense. Ci sono corsi di lingua italiana e percorsi lavorativi a titolo di volontariato: lavorano ma non sono pagati. Si occupano di verde pubblico, per esempio. Si parla di 35 euro al giorno dati ad ognuno, ma è falso. Quei 35 euro arrivano dallo Stato nelle casse del Comune e servono a gestire complessivamente il sistema di accoglienza, non vanno in tasca a singole persone.

Concludiamo con un due dati: la Prefettura ci dice, nei dati relativi all’ultimo anno, che in città c’è una diminuzione della criminalità. Dall’altro lato moltissime persone hanno voluto dimostrare solidarietà a chi arriva. C’è chi lo dice chiacchierando, e chi ha portato materiali nei centri di raccolta. Oggi cosa può fare un triestino che volesse rendersi utile e partecipe all’accoglienza?

Innanzitutto voglio ringraziare coloro, e sono tanti, che hanno donato vestiti, coperte e quant’altro. Sul sito di Rete civica segnaliamo via via ciò di cui c’è bisogno. Un’altra cosa che il cittadino può fare, se lo desidera, è mettere a disposizione di Caritas e ICS opera di volontariato. Ci sono da gestire i corsi di italiano, per esempio. O altre attività, compatibilmente con le necessità che le strutture possono indicare ad ogni cittadino che si rivolga loro. (S.L.)

Related posts

Che fine ha fatto il cibo? Il fallimento definitivo di Expo 2015

Redazione KonradOnLine

La reciprocità per vivere bene: ayni e suma qamaña nelle comunità andine

eleonora molea

Profughi e ronde: dov’è l’etica civile?

Redazione KonradOnLine

Leave a Comment