Konrad
Arte e storia Culture

Capolavori giapponesi a Udine

Arriva ad Udine, presso il nuovo spazio culturale Domo Arte, la mostra “e” – Gutai Paintings in the Midsummer Burning Sun, nella quale saranno presenti alcuni capolavori degli artisti giapponesi che furono tra i più celebri esponenti del Gruppo Gutai, come Shozo Shimamoto, Kazuo Shiraga, Sadamasa Motonaga, Atsuko Tanaka e Yasuo Sumi. Ad essi verrà ad aggiungersi il confronto con la pittura di grandi nomi dell’arte ‘occidentale’ accomunati da affinità ideologiche e metodologiche o influenzati direttamente da Gutai come Jackson Pollock, Georges Mathieu, Paul Jenkins e Pinot Gallizio.

mostraUdine_GutaiFondato nel 1954 ad Ashiya (Osaka) da Jiro Yoshihara e Shozo Shimamoto, il nome Gutai, tradotto comunemente come “concreto”, nell’intenzione dei suoi fondatori e componenti assume un significato più complesso: Gutai infatti è la concretizzazione attraverso la materia della spiritualità dell’arte, generata grazie alla presenza fisica dell’artista che si esprime con la libertà di movimento, di azione, di ordine o disordine. Il titolo della mostra nasce quindi dalla volontà di rappresentare questa libertà creativa insita nella poetica Gutai, che con la parola ‘e’ designava l’‘opera’, il ‘dipinto’, nell’accezione più disinvolta, informale e libera del termine; inoltre essa vuole celebrare l’“Experimental Outdoor Modern Art Exhibition to Challenge the Midsummer Burning Sun”, ovvero l’antefatto, lo spettacolo sperimentale che ebbe luogo ad Ashiya proprio il 25 luglio del 1955 – anticipando quindi di tre mesi la prima ufficiale esibizione del gruppo a Tokyo (ottobre 1955) – sotto il ‘sole cocente di mezza estate’.

La principale caratteristica del movimento artistico Gutai è la mancanza di regole, di un codice creativo, a favore di un’estrema libertà espressiva di tecniche, mezzi, forme e generi. Non a caso Shozo Shimamoto nel 1957 firma il Manifesto “Per una messa al bando del pennello”: dunque azione, dinamismo, energia; liberare la materia da ogni vincolo e renderla viva, espressiva, rivelatrice.

Nonostante la forte carica innovativa del movimento giapponese, esso è stato a lungo relegato ai margini dalla critica internazionale; negli ultimi anni fortunatamente si è assistito ad un’inversione di tendenza, che ha portato nuovamente Gutai sotto i riflettori: è del 2010-2011 “Dipingere con il tempo e con lo spazio”, mostra organizzata al Museo Cantonale d’Arte di Lugano, mentre del 2013 è “Splendid Playground”, presso il Solomon Guggenheim di New York. In tale contesto di giusta rivalutazione si colloca “e” – Gutai Paintings in the Midsummer Burning Sun: attraverso selezionate opere fondamentali del percorso creativo degli artisti, come il quadro del 1953 di Shozo Shimamoto, che segna la nascita della pittura materica informale fino ad opere più tarde, come la spettacolare tela del 1991 di Kazuo Shiraga, la mostra, di grande impatto visivo ed emotivo, intende presentare l’energia avanguardista del Gutai che manifestandosi contemporaneamente ai fenomeni artistici americani ed europei dell’Action Painting, dell’Arte Informale, dell’Happening e della Body Art se non addirittura anticipandoli ed influenzandoli, giunge fino ai giorni nostri riuscendo a mantenere intatta la sua dirompente vitalità e disarmante freschezza.

La mostra verrà inaugurata il 12 settembre alle ore 18 e sarà visibile fino al 14 novembre 2015 presso lo spazio culturale Domo Arte in via Vittorio Veneto, 6 a Udine.

Informazioni e contatti:

Tel. 041 5950322

artcomproject.com

domoarte.net

Related posts

Arte e Natura

laura paris

Il cielo d’autunno

muzio bobbio

Cibo, vino e olio sono segni del mondo

simonetta lorigliola

Leave a Comment