Konrad
In Cucina

Aperitivo natalizio: frijoles! Que viva Mexico!

Si avvicina Natale. Tutti predicano i piatti della tradizione. Che vanno benissimo. Ma ogni tradizione è nata dall’incontro e dall’attraversamento, che in cucina sono magistri vitae.
N
oi vi proponiamo un volo in Messico, verso i suoi sapori e le sue consistenze rivelati da un “antojito” (stuzzichino) che là è classico e quotidiano, in ogni tavola, dalle povere alle sontuose. E “sabroso”. Infinitamente “sabroso”! Provate. E’ di facile realizzazione e sicuro successo. Viva le cucine del mondo! Anche a Natale.

foto lorenzo monasta
foto lorenzo monasta

Ingredienti per 4 persone

cipolle 900 gr
fagioli neri bio o del commercio equo 300 gr
1 spicchio d’aglio
mezza cipolla bianca tritata
una cipolla intera
una foglia di alloro
mezzo cucchiaino di cumino
olio d’oliva
sale

Come procedere

Metti i fagioli in ammollo per un intera notte in abbondante acqua. Scolali, butta l’acqua dell’ammollo e mettili in una casseruola con la cipolla sbucciata e tagliata in 4. Metti anche l’alloro e lo spicchio d’aglio con la buccia (“in camicia”).

Copri con 2 litri di acqua fredda. Porta ad ebollizione, abbassa la fiamma al minimo e lascia cuocere 2 ore (30 minuti se li cuoci in pentola a pressione).

Scola i fagioli, conservando un bicchiere d’acqua di cottura, elimina l’alloro e l’aglio.

Passa i legumi al disco medio del passaverdure con la cipolla (o al mixer).

Dovrai ottenere un purè denso.

In una padella scalda 3 cucchiai d’olio con un piccolo trito di cipolla e il cumino, soffriggi delicatamente. Aggiungi il purè di fagioli e fai saltare a fuoco vivace per un paio di minuti. Aggiusta di sale. Spegni e lascia riposare per una decina di minuti. Servi tiepido.

Un consiglio in più

Questa deliziosa crema di fagioli si può servire sia come parte di un secondo piatto, completata, per esempio, da una polenta leggera (morbida o arrostita) ed alcune verdure cotte a piacere. In questa versione sarà un ottimo e gradito piatto anche per i bambini.

I frijoles sono ottimi anche, in versione apetizer, con chips di mais (in versione originale tortillas di mais spezzettate e fritte).

Importante: le chips da abbinare sono rigorosamente quelle di mais! Nell’acquistarle,meglio se biologiche, controllate gli ingredienti: evitate quelle che contengono generici “oli vegetali” e preferite quelle che utilizzano un olio monoseme (di mais, girasole etc) poiché dietro la dicitura generica si nascondono, in genere, olio di palma e simili, indigesti e dannosi per la salute.

Cosa bere

E’ Natale. Va da sé una bollicina. Preferite, senza indugio, un Metodo Classico, magari un Trento doc o un ineccepibile Franciacorta.

Related posts

Farinata di ceci con la zucca

simonetta lorigliola

Cannella. Corteccia dall’anima dolce

Redazione KonradOnLine

Caril di gamberi

simonetta lorigliola

Leave a Comment