Konrad
Società e Diritti

Un saluto da Servola a Silvio Ghirardi

– di Alessandro Radovini-

SilvioServola

Il popolare rione triestino di Servola perde uno dei suoi conosciuti e amati abitanti. La triste notizia è stata diffusa con la frase: “Silvio è andato da un’altra parte, dove non avrà più male”. E’ stato infatti il tumore contro cui combatteva da alcuni anni a portarlo via.

Silvio Ghirardi fino a pochi anni fa gestiva la storica ferramenta di Servola, già dei genitori, in Via dei Soncini. Poi – chiusa l’attività strangolata dall’insuperabile concorrenza dei centri commerciali -–  era passato a condurre l’attività del circolo servolano dell’ARCI, il “Falisca”.

La cultura e le tradizioni popolari servolane erano di casa nella sua famiglia. Mentre il cognome rivela l’origine italiana – il papà era romagnolo – da parte di madre era autenticamente servolano. La famiglia materna, di cognome Godina, ha dato un  contributo alla vitalità del rione: dalle ‘donne del pane’ (le cosiddette ‘pancogole’) alla cultura musicale, dal costume popolare servolano (la “narodna noša”, in sloveno) alla conservazione delle tradizioni.

La mamma, Alma, scomparsa centenaria pochi anni fa, era una delle ‘memorie storiche’ viventi di Servola, una caratteristica che aveva tramandato a Silvio, che sapeva raccontare di eventi locali risalenti fin dall’Ottocento.

Silvio era molto attivo nella vita associativa locale: dal Circolo culturale sloveno “Ivan Grbec” al Carnevale, dal Cinema-Teatro al Comitato per il Monumento ai Caduti nella Lotta di Liberazione, dal Comitato per la Riqualificazione di Servola fino appunto al Circolo “Falisca”, che aveva contribuito a costruire sia alla fondazione, negli anni ’80, sia alla sua ricostituzione, a metà degli anni 2000, parallelamente alla Casa del Popolo di Servola “Zora Perello”. Alla fine degli anni ’90 Silvio aveva anche deciso di impegnarsi attivamente in politica, iscrivendosi al Partito della Rifondazione Comunista, di cui è stato un militante presso il Circolo di Servola – Chiarbola “Jure Canciani” e un instancabile attivista nelle iniziative e nelle Feste di Liberazione e un appassionato lettore di Konrad.

Related posts

Dipiazza “nuovo” Sindaco. Trieste dormi (e il mar se movi apena)

simonetta lorigliola

Scuola e tecnologia: umano, poco umano

Redazione KonradOnLine

Per fermare il TTIP. Roma 7 maggio: costruire una grande manifestazione

Redazione KonradOnLine

Leave a Comment